Archive

Archive for maggio 2010

Goodbye, Dennis :-(

ci hai fatto sognare.

iFollie collettive …

oggi è stato il cosiddetto “iPad day”.

e, come diceva il saggio “a picture worths more than thousand words”

quando avrò capito il senso dell’oggetto in questione, forse potrò esprimere un’opinione.

Ora come ora mi sembra davvero una follia collettiva …

Vergogne quotidiane

riposto dal blog DIVULGAZIONE SCIENTIFICA – Gravità Zero: LA SCIENZA INUTILE IN ITALIA.

Alcune punte di eccellenza della ricerca scientifica italiana con i migliori risultati in termini di produttività e pubblicazioni verranno spazzate via con la recente manovra finanziaria, considerate inutili sprechi di denaro.
I risparmi di questa soppressione finanzieranno le missioni dei nostri soldati all’estero.

Il Corriere elenca in punti gli elementi fondamentali della manovra che è stata varata dal Governo, e i loro destinatari. Lo riprende anche da il Post.

Secondo il Corriere chiuderebbero enti che le finanze pubbliche non riescono più a supportare: gli istituti di ricerche Isae, Isfol (formazione e lavoro), Ispesl (prevenzione e sicurezza sul lavoro), Eim (Ente montagna), gli Istituti nazionali di Alta matematica, Astrofisica, Oceanografia, Geofisica e Vulcanologia, e un’altra quindicina di altri enti minori. Il personale viene ricollocato, mentre contrattisti a termine, consulenti e borsisti vanno a casa.
Particolari più aggiornati su Oggi scienza.

Continuiamo così. Facciamoci del male.

tutti pazzi per lost (o il mondo è bello perché è avariato …)

piccola ricerchina su google sulle follie collettive televisive (notare il numero di risultati):

qualche link illuminante a questo proposito:

badtaste.it su Lost

un esempio di follia collettiva, appunto

Il Post che giustamente li prende per il chiulo

a questo punto meno male che non guardo la tivù 🙂

la musica del caso

che, nello specifico, non è il bellissimo libro di Paul Auster ma la trasposizione sonora, fatta dal progetto LHC Sound, dei dati relativi alle collisioni prodotte all’interno dell’ATLAS Detector situato dentro l’LHC (Large Hadron Collider) per individuare il Bosone di Higgs (detto anche “la particella di Dio”).

Potete trovarne degli esempi qui, cliccando sull’immagine:

… ora cominciano essere troppi quelli che ci mancheranno …

“Non solo la matematica è reale, ma è l’unica realtà. Beh, l’universo è composto di materia, ovviamente. E la materia è composta di particelle: elettroni, neutroni e protoni. Dunque l’intero universo è composto di particelle. Ora, di che sono fatte le particelle? Di nulla. L’unica cosa che si può dire sulla realtà di un elettrone è citarne le sue proprietà matematiche. Quindi in un certo senso la materia si dissolve completamente, e rimane semplicemente una struttura matematica.”

Martin Gardner (Tulsa, 21 ottobre 1914 – Norman, 22 maggio 2010)


(immagine da mathpuzzle)

i link della(e) settimana(e) (10 – 23 maggio 2010)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: